Pagine

giovedì 15 agosto 2019

FESTA ROSSA.

Come ogni anno l'appuntamento con il giorno della tua piu' bella giornata, del sorriso e felicita', non puo' mancare.
Sempre presente, nel mio cuore, la tua forza, il tuo sorriso la tua voglia di non farti mai sconfiggere il tuo amore per la vita, mi e' stato ed e' d'esempio, specialmente in questi ultimi mesi...

E COME OGNI ANNO VOGLIO MANDARE UN MESSAGGIO A TUTTE LE PERSONE
SE POTETE COMPRATE IL LIBRO DI ANNA LISA RUSSO " TOGLIETIMI TUTTO MA NON IL SORRISO"
ISCRIVETEVI E SE POTETE DONATE QUALCOSA ALL' ASSOCIAZIONE A LEI DEDICATA E PORTATA AVANTI CON TANTO CORAGGIO DA MAMY ROBERTA...
PERCHÉ, LA BESTIACCIA E' SEMPRE IN AGGUATO!! 
FACCIAMO SI CHE CON IL NOSTRO CONTRIBUTO, NON ABBIA PIU' POSSIBILITÀ DI PORTARSI VIA TANTI SORRISI...
Un bacio.
Fiorella.

mercoledì 27 febbraio 2019

Il Passo del Male.

Non imparerò mai.
Il passo del Male e' sempre un passo avanti.
E che vada anche a...
Fiorella.

 

Davide de Agostini ("Il Passo del Male.")

lunedì 31 dicembre 2018

Un colorato 2019.

Amici lettori della mia casetta virtuale
Vi Auguro un colorato
Scintillante
Limpido
2019!!!
Sceglievi un colore e fatevelo vostro
Io me l'ho scelto (mi attirava il nero, mio colore preferito)
Ma, questa volta ho scelto il colore, non colore, meno colore di tutti il trasparente.
E ricordatevi, ogni giorno regalate e regalatevi, un sorriso.
Vi voglio bene!!!
La vostra Fiorella.
(Foto Fiorella)

lunedì 24 dicembre 2018

Buon Natale...Metropolitano!

Carissimi amici e amiche, di tutte le piattaforme di questo mondo virtuale,
Nipoti, e nipotine acquisiti sempre qui in questo mondo virtuale,
Amicizie che durano da moooolti anni, qui in questo mondo virtuale, 
"Amicizie" perse per strada, non rimpiango,
Amicizie trovate, me ne rallegrano,
Amicizie che soffrono, mi rattristano,
Amicizie che chiedono aiuto, ci sono,
Amicizie che quando sto male ci sono, 
Amicizie che sopportano e sanno dei miei silenzi e allontanamenti, so che capiscono e ci sono.
A TUTTI VOI, VI AUGURO UN MONDO DI SERENITÀ, FELICITA' E QUELLO CHE PIU' CONTA SALUTE!
E per stare in tema con tutto il mondo tecnologico...
Fiorella.
Una stella cometa metropolitana.
(Foto Fiorella)
E non avendo le stelle di Natale, per voi dai giardinetti vicino a casa mia.
(Foto Fiorella)
P.s. In questo mondo virtuale ho trovato amicizie VERE checche se ne dica!!!!
P.s 2 ehmmmm anche alcune fregature eh, ma non rimpiango!!!!

sabato 22 dicembre 2018

Mamma Lucia.

E osservo tu che seduta nella sedia vicino a tavolo del tinello stai cucendo un orlo
Tu che hai dovuto fare solo la quinta elementare perché soldi per andare avanti con l'istruzione, mancavano, perciò hai imparato il mestiere della sartina.
E ti guardo, mentre dai un'occhiata all'orologio appeso alla parete proprio sopra la tv.
Ora ti alzi, prendi in braccio, tutta felice e sorridente il tuo nipotino e vai in cucinino a controllare i manicaretti, che ogni giorno cuoci per papà e per chi vi viene a trovare.
Un'altra occhiata all'orologio.
Fiorella!! Accendi la tv c'è Mamma Lucia!
Mamma Lucia, che bel sceneggiato, vero, Fiorella?!
Certo mamma, mi piace tanto, poi Sophia Loren e' bravissima!
Vero, Fiorella, e' della mia generazione, (e sorride).
Ma Fiorella, che bella canzone, e di Lucio Dalla, vero?
Si mamma, s'intitola Caruso.
Uh, come il cantante lirico?
Certo, mamma.
E sorride, baciandosi il nipotino e gustandosi la musica e lo sceneggiato.
E come la canti bene mamma, ti piace proprio questa canzone!!
E siamo felici, per quello che abbiamo.
Tu sei felice di essere moglie, mamma e sopratutto nonna, si, forse ti immedesimi un po' come mamma Lucia, tanti sacrifici, anche fame ai tempi della venuta appena sposata a Torino da un piccolo paese del Veneto, tanto lavoro pochi soldi.
Ma c'era tanto amore e quello fa tanto.
Ma....
Ma son passati già venticinque anni, da quel maledetto 22 dicembre 1993, alle 23,30...
Un anno di sofferenza estrema hai patito, sempre senza chiedere, io, con nonna (tua mamma) ci dividevamo, nel starti vicino in quel letto d'ospedale che ormai era nostra casa, nonna di giorno, io la notte...
Papà lavorava, e faceva il tassista per noi, tra ospedale e casa.
E la maledetta notte, eri li, ti guardavo, come ai tempi di mamma Lucia e Caruso di Dalla.
Ma questa notte, e la notte del dolore che mi strappa un pezzo di cuore.
Tu li, un sospiro, la mano nella tua mano, no, non lasciarmi!!
E tu voli già...Per sempre...
Ed ora sono qui a scrivere dopo venticinque anni, di te, ascoltando e cantando Caruso, che ti piaceva tanto come mamma Lucia.
E mi manchi, ed e' il 22, come quel 22 di venticinque anni fa...
Avevi solo un anno piu' di me e Takayasu ti ha portata via.
Che bella che eri mamma Nelly, come mamma Lucia...
Ed il dolore e' li sempre in agguato...
E come strana e stronza la vita...
Un dolore immenso venticinque anni fa, e...l'indomani...?!

E domani e' il piu' bel compleanno da festeggiare della mia vita, perché, non c'è un bimbo di cinque anni, di venticinque anni fa, ma un uomo di trentuno.

"Nel profondo del cuore di ogni essere umano, dalla prima infanzia fino alla tomba, vi e' qualcosa come una ferma certezza   a dispetto di tutti i crimini commessi, subiti e visti   che a lui sarà fatto il bene e non il male. Questo, sopratutto, e' sacro in ogni essere umano." Simone Weil.
Dal libro " Mamma Lucia" di Mario Puzo.
Fiorella.
(Foto Fiorella)