Pagine

martedì 29 settembre 2015

Fossili e teste fossili.

Questi sono i fossili che colleziono e con le mie mani vado a rinvenire nelle stratificazioni della terra.
Sono la nostra storia...
Sono la testimonianza dell'evoluzione della vita nella nostra terra.
La vita discende anche da loro...
Si e' evoluta...
Si e' evoluta per far nascere la nostra specie...
(Foto Fiorella)
Una vetrinetta della mia collezione.
..............
Ma certa gente dove si e' evoluta, mi chiedo?
Dove sono queste menti, aperte, curiose, tolleranti, dove esistono uomini e donne, e dove l'amore ha tutti i colori?
Dove e' l'uguaglianza?
Si, queste menti, sono quelle ammoniti che in antichi mari nuotavano ed ora sono incluse nella dura roccia che le ingloba ed ora fanno bella mostra nelle mie vetrinette.
Fiorella.
(Sotto articolo da La Stampa)

“Messo fuori dalla classe perché gay”: la denuncia dei genitori di un 16enne di Monza

Il ragazzino “punito”per una fotografia scattata insieme a un altro giovane e postata online. L’Arcigay: un fatto gravissimo, intervenga il Mi
ANSA


newsletter
29/09/2015

«Anche Papa Francesco è stato chiaro sulla questione, figuriamoci se noi ci mettiamo ad emarginare un ragazzo». Non ha esitazioni a parlare di quello che è successo alcuni giorni nella sua scuola il preside di un istituto professionale cattolico di Monza. La madre di uno studente e il patrigno, hanno denunciato che il 16enne sarebbe stato più volte discriminato perché gay. L’ultimo episodio alcuni giorni fa, quando il ragazzo è stato tenuto per una mattinata fuori dalla classe. 

 

«Il caso è scoppiato mercoledì dopo che su un social è comparsa una foto dello studente con un altro ragazzino e la foto è stata segnalata ad un insegnante - spiega il preside - Alcuni suoi compagni sono riusciti a far rimuovere l’immagine, ma la maggior parte ha avuto per lui commenti forti». Nella foto i due mimerebbero un atto sessuale e nella classe lo scompiglio potrebbe andare fuori controllo. Il ragazzino, secondo il preside, rischiava quindi di diventare vittima per tutta la mattinata di angherie ed è per questo che si decide di farlo uscire dall’aula e aspettare la fine delle lezioni in un’altra stanza. «Abbiamo telefonato subito alla madre - dice ancora il preside - ma non ha mai risposto».  

 

Il ragazzino comunque resta a casa da scuola fino alla fine della settimana. Secondo i familiari perché è stato sospeso per due giorni. Un particolare di cui non si ha conferma dalla scuola. Comunque sia, ieri il ragazzo è tornato regolarmente a lezione e nella sua classe. Molto diversa la versione della famiglia. Il patrigno riferisce di aver subito scritto al preside. Non ricevendo risposta (“non ha alcun diritto legale”, replica il dirigente scolastico), si rivolge ad un periodico locale. Nel suo racconto non si limita a segnalare l’episodio della foto, ma denuncia una lunga serie di discriminazioni al quale il ragazzo sarebbe stato sottoposto anche durante lo scorso anno scolastico: temi in cui era costretto a “raccontarsi” e “spiegarsi”, un’espulsione dopo una lite con un compagno. Insomma una situazione un po’ difficile, che la stessa scuola non nega, dal momento che, dice il preside, erano stati avvisati pure i servizi sociali. «Mai visti neppure loro», aggiunge. 

 

In attesa di chiarire cosa sia successo effettivamente una settimana fa (nel pomeriggio madre e patrigno sono stati per ore nella caserma dei carabinieri a Monza), oggi non sono mancate le reazioni sia da parte di associazioni dei diritti civili che di esponenti politici. A cominciare da Equality (“intervenga il Papa”), fino ai esponenti politici. Il deputato del Pd Alessandro Zan chiede l’intervento del Governo, mentre la deputata e responsabile Scuola e università di Forza Italia Elena Centemero, preannuncia un’interrogazione parlamentare. E Arcigay chiede l’intervento del ministero dell’Istruzione, anche se l’istituto si occupa di formazione professionale e rientra sotto la competenza della Regione Lombardia. 

Intanto Gay Center segnala un altro caso di discriminazione a Roma, zona periferica di Primavalle. 

 

Un giovane è stato aggredito a pugni e calci, nell’indifferenza delle persone che lo circondavano, da due trentenni che hanno iniziato ad insultarlo al grido «gay di m...». Stava per salire sulla sua auto, parcheggiata nella stessa area dove l’aveva lasciata 8 giorni fa, trovando al suo ritorno una gomma forata. A Rimini denunciati per evasione fiscale i gestori del Classic Club, nota discoteca riminese nel panorama gay italiano associata Arcigay, dopo una verifica fiscale della Finanza per gli anni 2009-12. Per la Gdf l’ente no profit ha esercitato una attività commerciale, beneficiando impropriamente della più favorevole disciplina tributaria riservata alle associazioni non commerciali, con un’imposta evasa di circa 396 mila euro. 

24 commenti:

  1. Sei una persona ricca, ricca di tante qualità......Buona notte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lucia, troppo buona, buona serata.

      Elimina
  2. E che problema c'è? Perchè ti fai tutti questi problemi?
    Adesso interviene la politica (???), il Papa (vogliamo dimenticarci l'oscurantismo ecclesiale che vige per secoli e che questo Papa dice A PAROLE di volere eliminare), la scuola (progressista di RENZI) e vedrai che tutto si risistema...
    Abbi fiducia, noi poveri mortali possiamo solo PREGARE! ^___*
    Buona giornata con un baciobacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amica mia bella, posso darti torto? Concordo su tutto!
      Si, pregare...bisogna agire! Altroché!
      Baciobacio sempre per te.

      Elimina
  3. I cervelli si atrofizzano e diventano fossili.
    Ciao Fiorella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gus, se solo diventassero pietra, almeno ci lastricheremmo le vie!
      Farebbero meno danni!
      Ciao Gus.

      Elimina
  4. Ti raggiungo grazie a Vincenzo Iacoponi e potrai constatare che abbiamo molto in comune, se ne avrai voglia
    Stessa passione per S.King, stessa scocciatura della blogger Silvy.
    Ci si ritrova, ciao, piacere di averti trovata.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristiana, benvenuta!
      Bene, bene, il Maestro Stephen, lo adoro!
      Certo che ci si ritrova, e piacere anche mio.
      Un saluto!

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  10. Cara Fiorella,tutti gli animali sono cacciatori per necessità,l'uomo,invece è predatore per cupidigia, prevaricatore per paura e razzista per ignoranza,per fortuna non tutti.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Fulvio, hai ragione, ma vedo che teste di c...ehmmm
      Pietra, aumentano, e questo mi fa incazzare e non poco!
      Ciao.

      Elimina
  11. a prescindere dal caso: l'uguaglianza è solo una bella parola. ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A prescindere...non c'è mai stata l'uguaglianza.
      Ciao.

      Elimina
  12. Nell'Italia dove non mi riconosco ha sempre predominato la discriminazione contro gli omosessuali -a Roma "froci" etimologia incerta, forse da infrociata che significa infilarsi dentro qualcosa di molto stretto, volgare ma che rende purtroppo l'idea- e gli istituti religiosi hanno sempre portato il vessillo di questa crociata antigay. Nessuna meraviglia quindi l'opera di quel preside.
    Come non mi meraviglia la serie di insulti di quella signora che sei stata costretta ad eliminare. Trattasi di una grafomane che clicca doppio, infatti anche da me i suoi commenti/improperi arrivano sempre in copia conforme. Non fa danno a nessuno, è solo un insetto petulante.

    PS. Nella foto di presentazione del tuo blog immediatamente ho visto un telefono a parete fa-vo-lo-so. T lo invidio proprio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vincenzo, benvenuto!
      Io non mi meraviglio piu' di niente, e la realtà supera la fantasia, di queste persone cosi', cosi'....non mi viene il termine, più consono a loro.
      Hahahhh, ti piace?!
      Il bello, e che lo sfondo del mio blog, che ho scelto, da blogger, per un caso fortuito, ha proprio questo tipo di telefono a parete come ho io, veramente in casa mia! Me lo regalo' il mio papà, e fa bella mostra in entrata.
      Un saluto.

      Elimina
  13. Conoscendo la tua sensibilità ti invito qui:
    https://annafraledonne.wordpress.com/2015/10/01/mese-rosa/
    Baciobacio cara <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie amica mia, fatto!
      Ti ho nominata nel post sopra a questo.
      Baciobacio bella.

      Elimina
  14. Scusami ma non ho letto l'articolo che hai citato. Sono stanca dei troppi puntini sulle ì per definire le persone. Non l' hanno ancora scritto sulla carta d'identità? Segni particolari.......?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucia, io saprei cosa, e a chi mettere sulla carta d'identità, segni particolari...
      Per stare sul "leggero" una cosa sarebbe stronzo! Il resto lo lascio ad immaginare...
      Ciao.

      Elimina
  15. Ciao e ben ritrovata!
    Premetto che io sono contro qualunque tipo di discriminazine e nn sono assolutamente omofoba, anzi!!!! Però questo tipo di episodi mi lasciano a volte un po' perplessa. Mi spiego. Di questo ragazzo si dice che è gay, ma non si dice null'altro. Potrebbe essere maleducato, violento, arrogante E gay, nel qual caso le sanzioni disciplinari potrebbero avere tutta un'altra origine... solo che siccome è gay.......... Dico questo per l'accenno alla situazione difficile già presente nell'anno scolastico precedente.

    Con questo non voglio giustificare nessuno ne prendere le parti della scuola in questione, e peraltro non conosco così bene l'episodio da poter tentare una valutazione personale, però penso che si debba andarci coi piedi di piombo perché non tutto quello che di male accade a una persona omosessuale è frutto di discriminazione.

    Personalmente conosco diverse persone omosessuali, e una di queste la trovo insopportabile. Non perché sia gay, ma perché è arrogante e supponente. Questa persona potrebbe facilmente dichiarare di essermi antipatica solo sulla base delle sue preferenze sessuali, ma non sarebbe la verità. Riesco a spiegarmi?

    Un abbraccio

    RispondiElimina