Pagine

mercoledì 16 novembre 2016

Dedicato a chi so io e...anche per me.

Dedicato a...chi so io...
Dedicato a me, perché no...
Dedicato a chi ha perso la speranza...
Dedicato a chi della sua arte ha dato voce, parole e opere, a chi non si sapeva esprimere...
Dedicato a...chi so io...
Dedicato a...me...
Fiorella.
(Immagini dal Web)
Una strana coincidenza, lo stesso nome...
Sentite la canzone...
Una cantante, con una voce bellissima e particolare, che ha sempre cantato non cose "banali".
(Immagini dal Web)
Vi chiederete chi e' questa persona...
Si chiama Alfredo Rapetti Mogol...
E' lui che ha scritto il testo della canzone di Fiorella Mannoia...
E'anche un affermato artista, una delle sue opere e' postata sopra...
Quando la sensibilità, si trasforma in arte...
Sia cantata...
Sia suonata...
Sia scritta...
Sia dipinta.
Rimarrà, per sempre.
La vostra Fiorella.

25 commenti:

  1. Eh, anche tu sei sicuramente una combattente... E ogni volta ce la fai! :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una combattente un po' sgangherata, che ad ogni battaglia perde un pezzo dell'armatura, ma ci prova ohhhhh se combatte ancora!
      Ciao Moz nipotone mio, e riguardati eh!

      Elimina
    2. .. perché "non si molla un cazzo!"
      Scusa la parolaccia, ma rende il concetto!! ahahahah
      Non mollare mai zia!

      Elimina
    3. Omiodiodiomio!! La mia nipotina che dice parolacce?! 😜😄
      Hahahhhhh
      Con i maroni che mollo!!
      Tanto per finire il concetto! 😄
      Bacioni nipotina

      Elimina
  2. La dedica è quella giusta.
    Abbraccio Fiorella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gus, sempre gentile.
      Abbraccio forte forte.

      Elimina
  3. La canzone è bellissima, ma io sono di parte perché la Mannoia è per me la voce italiana migliore. Ma molto bello anche il video, mi ha emozionata, come le immagini delle paralimpiadi, in particolare,Beatrice Vio la ragazza di 19 anni che ha vinto l'oro nel fioretto individuale in carrozzina alle Paralimpiadi di Rio. È l’unica al mondo a tirare di fioretto con una protesi, dopo aver perso a 11 anni gambe e avambracci mi ha fatto allargare il cuore.
    Ciao Fiorella, Forza tanta!
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daniela, e i duetti che faceva con l'indimenticabile Pierangelo Bertoli? Ne vogliamo parlare? 'Na roba, da far tremare i polsi.
      Si conosco la Beatrice, l'immagine della combattente in tutti i sensi, nella vita e nello sport.
      Grazie, ce la metto tutta, anche se...ogni tanto, si scivola piu' giu'.

      Elimina
  4. Io di Mannoia con Bertoli mi ricordo una canzone bellissima, e struggente:"Il pescatore".
    Buona serata Fiorella!
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti Daniela, e Bertoli, guarda caso, va giusto giusto con questo post, era un combattente! Io adoro le sue canzoni, ho diversi vinili.
      E non so se ti ricordi quando ha cantato con i Tazenda? Anche loro che voci, che canzoni!!
      Buona serata a te.

      Elimina
  5. Che dire? Non mi sono rimaste parole, le avete rubate tutte voi!Adoro la Mannoia. Io in particolare amo quella canzone della finestra sul mare di cui un galeotto sogna di abitare con la sua donna. Il chiaro canto della Mannoia me la fa amare ancora di più. Bertoli? Un grande che ha saputo lottare e vivere cantando la vita. C'è un personaggio, un giornalista, morto da tempo che invece la malattia lo ha fatto diventare....non trovo le parole, anzi le trovo ma non le voglio scrivere era Aprea, la malattia gli aveva tolto le braccia e le gambe. Ho comperato due suoi libri di poesie. Forse aveva ragione lui, forse , per come la vedo io, no. Ma ad ognuno la sua libertà.
    "Orba io son del padre e della madre"...canta un poema.Ognuno di noi è mancante di una parte d'amore donato.
    E cantiamo questo dolore per dare forza ad altri come noi.
    Concludo raccontandoti che amo la musica, suonata bene, cantata altrettanto le cui parole mi mettono in cuore un cielo invernale in cui le nuvole si rincorrono e il sole così ci può riscaldare il cuore. Già caldo dell'amore divino.Buona serata, idem per sabato e domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucia, conosco, il giornalista, anche lui un combattente!
      Anche a me piace la musica, quasi tutta, anche il rock duro...
      Non mi piace, ma e' l'età, la musica da discoteca che c'è al giorno d'oggi, quella che ti trapana la testa, monocorde e ad altissimo volume...ecco...
      E poi, beh, tutti lo sanno...lo zio Bruce!
      Buon tutto, Lucia.

      Elimina
  6. Ciao Fiorella,sono bellissime parole di due grandi artisti.
    Felice domenica,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fulvio, si grandissimi artisti, con le loro voci e le loro scelte, di non fare commercio, del loro dono.
      Ma anche chi ha scritto, per loro, bisogna ricordare, la voce e la mano...
      Buona domenica a te caro amico.

      Elimina
  7. Pensa che finalmente le palpebre si erano chiuse e per uno strano caso è squillato il telefonino che mi ha svegliato immediatamente...sai ho sempre paura per la mia mamma e poi era una persona che aveva sbagliato numero!
    Anche i miei gatti non erano tranquilli: li ho rifocillati ed ora sono qui da te.Stai accennando a Mogol. Ho revistrato il video del programma in cui lo festeggiavano facendoci ascoltare tante sue canzoni. Ha una facilità d'espressione fantastica, le parole sono poesie, sono momenti di vita, ha ricordato, vissuta. (ci sono anche ben tre/quattro canzoni dedicate a una signora Lucia, bello no?) Bruce e Sting?
    Musica sono le parole dei figli, le loro risate. Musica è questo silenzio che mi circonda e..il lento russare di Paolo! Mia figlia sta traslocando e non ti posso raccontare il disagio. Lei questa sera era sfinita. Martedì si dovrebbe finire. Parlo al plurale perchè qualche mobile parte anche da casa mia e anche tanti scatoloni.....
    Il padre di Elena finalmente (e con tanta gioia di tutti) sta collaborando: oggi ha terminato alle sette di sera. Domani ha assicurato che terminerà parte della camera di Ada. E' bene smettere per non annoiarti. Allora "fai bei sogni" tu che dormirai e a me non resta che chiudere il pc.Abbraccio sincero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucia, guarda, che ancora a me fa effetto quando squilla il telefono in tarda serata, con il dolore che ho provato per la perdita dei miei, quando erano in ospedale, e per un motivo non ero con loro, solo per cambiarmi e lavarmi, mi fa venire un colpo...
      Insomma hai famiglia e casa tutta un subbuglio!
      Ah, volevo precisare una cosa, che il paroliere che ha scritto la canzone della Mannoia non e' Mogol padre ma Mogol figlio, oltre che scrivere canzoni e' un pittore molto affermato.
      No, non mi annoi, il blog, e' anche uno sfogo, un rapportarsi e condividere.
      Abbraccio Lucia.

      Elimina
  8. Ciao Fiorella, la musica è compagna della vita di ciascuno di noi, è un'arte che ti fa correre nelle emozioni, sia le più belle che le più tristi. A me capita nei momenti noiosi, o di ansia, trovarmi a muovere la gamba al suono di una musica che ho nella testa, ciò se pure inconsapevolmente mi viene in aiuto. Poi quando prendo coscienza ...mi ricompongo. ^_^!
    Buona settimana.
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela, e' vero quello che dici, sai che io per tanti anni non riuscivo a sentire alcune canzoni, perché mi facevano ricordare cose tristi e dolorose?!
      Ed ora alcune non le posso sentire, non chiedermi perché, perché non lo so neanche io.
      Ah, beh, per quello anch'io, se son triste metto musica triste se son euforica rock duro a palla, 'na matta sembro!
      Buona settimana a te...io tiro a campa' come si dice, ma non mi piego!

      Elimina
  9. PERO' A DIRE IL VERO, SONO UN PO' STANCHINA...EUFEMISMO...
    MA CIME DICE LA MIA NIPOTINA PERSEFONINA DAJE ZIA!!

    RispondiElimina
  10. Ciao Fiorè, quanto tempo è passato. Il vecchio blog non mi riconosce come amministratore. Misteri del web. Ne ho aperto un altro. Ecco il link
    http://iacoponivincenzo.blogspot.it
    Se ne hai voglia vieni a trovarmi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vince', mo' guarda che te so già venuta a trovarte!
      C'è voluto un po' de tempo, ma to scritto anche un commento!
      Urka! Anche il dialetto romano cerco "malamente" di scrivere...
      Io di cotante generazioni venete ed io nata a Torino.
      Ciao Vince' se vedemo! O da me o da te!

      Elimina
    2. 'ndo te pare
      anzi a la maniera der mi nonno e der mi patre "'ndo te paresse a te".
      Ciao.

      Elimina
    3. A Vince' sei un mito!
      Me piace assai quando qualcuno parla il dialetto suo, e' un tesoro che non dobbiamo perdere!
      Che te dice er core? Un po' da me e nu poco da te!
      Ciao Vince'

      Elimina
  11. Il trasloco di Ada sta coinvolgendo tutti. Avrà un bagno in più e anche una nuova camera da letto. Nella mia casa si sono formati dei vuoti che piano piano cerco di riempire spostando e rispostando alcuni mobili. E sogno di realizzare nuove armonie.
    Ho un problema l'Assa (la soc. che accetta e ritira cose che, usate fino all'inverosimile, debbo scartare.) per ritirate un vecchio divano vuole ben 100 euro. Era un bellissimo divano con cuscini di piuma d'oca che ai tempi mi era costato parecchio. Le unghie dei miei gatti hanno lavorato molto su di lui creando motivi e gallerie segrete....
    Ci racconteremo domani magari con immagini.
    L'altro giorno ho fotografato un bellissimo castagno dai colori sgargianti. l'ho rivisto ieri sera....la pioggia l'ha quasi denudato! Buonanotte mia cara e scrivi in queste pagine virtuali: sempre ironica e sempre vera! Abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucia, cerca di non strafare con questo trasloco eh!
      Faro' quel che riesco, quando per un po' non mi sentite e perché son messa un po' cosi...
      Non abbiatene a male eh.
      Buona serata a te Lucia.
      Ehhhhhh sti gatti, lo so lo so, ma son cosi cari, e come fanno compagnia!
      Abbraccione.

      Elimina