Pagine

venerdì 7 aprile 2017

La mia panchina.

Questa panchina per me ha un grande significato...
E' la mia panchina...
Dove mi siedo...
Dove penso...
Dove guardo...
Dove leggo..
Dove...
E mi viene in mente una frase piu' appropriata.
In questo momento.
"Regala la tua assenza a chi non vuole la tua presenza.
(O. Wilde)
Fiorella.
(Foto Fiorella)

17 commenti:

  1. Grande zia!
    Wilde ha ragione ;)

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Diventerà la panchina dell'amore quando capirai che in questo mondo c'è sempre qualcuno che disturba e bisogna sopportarlo con serenità.
    Bacio Fiorella.

    RispondiElimina
  3. Una panchina dove pensare con calma e in silenzio, e osservare la frenesia attorno, resta ancora una delle migliori risorse al mondo... ;)

    RispondiElimina
  4. una panchina rosa.....rosa ...femminuccia? Rosa perchè è possibile che seduti lì guardare il giorno che lentamente trascorre tutto diventa amabile? Tu sei amabile e sulla panchina hai disegnato il tuo nome!!!!
    Domani domenica delle Palme! Pace, pace nel tuo cuore. Bacio ad Alessio e a te.

    RispondiElimina
  5. La panchina? Sai la panchina ha la sua grande importanza. Ti racconto un momento della mia vita. Tu sai che ho tre figli, avuti nel giro di cinque anni. Avevo neppure 28 anni quando nacque il mio terzo, Emanuele. Quando seppi di essere di nuovo in gravidanza, di Emanuele appunto,piansi tante lacrime, perché mio marito non stava bene, avevamo due piccoli cuccioli, e io non mi sentivo in grado di averne un terzo, ero disperata. Mio marito mi prese vicino e mi disse. Sulla panchina siamo in quattro, ma se ci stringiamo un po' ci sarà posto anche per un altro. La vita porta sempre la gioia. Ecco qui ho preso la decisione, avrei spalancato le braccia un'altra volta. Lo abbiamo chiamato Emanuele, che significa "DIo con noi"
    Siamo tanti, ma il Signore è sempre stato con noi!
    Tanta pace Fiorella, ti auguro grande serenità. Sulla quella panchina magari ci posso stare pure io, che ne dici?
    ♥Dani

    RispondiElimina
  6. Ciao Fiorella!

    Molto graziosa la panchina ^_^

    Oscar Wilde scrisse delle massime che tuttoggi trovo attuali :-)

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  13. Mi piacerebbe un giorno, non troppo lontano, sedermi su quella panchina ad ascoltarti... Si, davvero...

    RispondiElimina
  14. Con Tonino abbiamo avuto lo stesso pensiero....sediamoci allora e ripassiamo, ma felicemente i nostri momenti più intensi. Buona Pasqua mia cara Fiorella. Un bacio intenso con un lieve abbraccio per non romperti....fisicamente. Bacio

    RispondiElimina
  15. Ciao Fiorella...quasi ci siamo, ti faccio sapere.😉👄🌻
    Dani

    RispondiElimina
  16. ciao Fiorella, passato buona Pasqua?

    RispondiElimina
  17. Ciao Fiorella,fin dalla più giovane età ho amato la solitidine e una panca di un giardino della mia città, il mio felice rifugio.
    O Wilde,un grande del pensiero.
    Un grande abbraccio,fulvio

    RispondiElimina